Home Page La Nuova Comunità Le Riflessioni Archivio Italia Senza Futuro?

PostHeaderIcon Italia Senza Futuro?

Italia Senza Futuro?Ogni anno il CENSIS (CENtro Studi Investimenti Sociali) fa una fotografia della situazione sociale italiana.
Quella del 2010 ci offre parecchi spunti per riflettere e per capire.
Paragona l’Italia anzitutto ad una AMEBA, cioè un’entità informe e senza spina dorsale: un paese che stenta a prendere coscienza del proprio potenziale e a compiere quello scatto di orgoglio che gli consentirebbe di riprendere forza e di guardare avanti.
Il Rapporto usa anche un’altra immagine, “un campo di calcio senza neppure il rilievo delle porte dove indirizzare la palla”: una società piatta quindi in cui “non riusciamo ad individuare un dispositivo di fondo (centrale o periferico, morale o giuridico) che disciplini comportamenti, atteggiamenti, valori”.
Quando, per esempio, parla il Presidente della Repubblica subito viene interpretato e commentato secondo i propri punti di vista, si polemizza, si discute, ma poi ciascuno torna a fare come prima: vuol dire che neanche lui è un punto di riferimento effettivo e quindi, tornando all’immagine calcistica, ciascuno gioca per sé e segna il goal dove vuole e, non essendoci le porte, non si sa chi vince o chi perde, ciascuno è arbitro di se stesso… L’Italia va così!
Questa società piatta e individualista riesce anche ad appiattire, nel senso che “fa franare anche tutti i soggetti presenti in essa e, in particolare, la loro capacità e il loro vigore soggettivi”. (Guardate l’uniformità paurosa a cui ci hanno obbligati: il “fan tutti così” è diventato l’emblema della libertà: è assurdo, siamo liberi di fare quello che fanno tutti!)
E’ un quadro fosco, che non ci può lasciare indifferenti, specie se se ne coglie il peso sulla vita delle persone e del Paese. (Guardate quanti fatti di violenza all’interno delle famiglie: siamo tutti pazzi o perché qualcosa non funziona?).
L’analisi del CENSIS evidenzia una crisi meno popolare di tante altre, ma che forse ne è la radice, o, meglio, spiega perché la nostra società fatica ad affrontare tutte le altre, da quella economica a quella della politica e a quella demografica. E’ la crisi del desiderio, cioè della tensione progettuale verso il futuro, della libertà di impegnarsi, della decisione di agire.
E’ il desiderio che spinge a cercare la porta cui indirizzare la palla: solo il desiderio ci fa alzare gli occhi dalle reti orizzontali che ci impigliano nell’esistente e in relazioni poco significative.
Per questo il Rapporto CENSIS afferma: “Tornare a desiderare è la virtù civile necessaria per riattivare una società troppo appagata ed appiattita”.
E’ qui che si innesta l’impegno educativo che coinvolge non solo le famiglie, ma anche la scuola e tutti gli enti che hanno a che fare con i ragazzi e i giovani.
E noi cristiani abbiamo anche la nostra da dire e da fare!

(Questi pensieri sono stati tratti dall’editoriale di Aggiornamenti Sociali - gennaio 2011)

Ultimo aggiornamento (Venerdì 25 Febbraio 2011 07:33)

Eventi / Avvisi
<<  Dicembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4
10
171922
2526272829
3031     
Ultimi Eventi
Casa Di Betania
MESE DI FEBBRAIO
E' Disponibile on-line l'informatore della Comunità Pastorale Casa Di Betania del mese di FEBBRAIO 2015.
Cerca