Home Page La Nuova Comunità Le Riflessioni Archivio Salutare, Ascoltare, Chiedere

PostHeaderIcon Salutare, Ascoltare, Chiedere

Salutare, Ascoltare, ChiedereCelebrare la FESTA della S. FAMIGLIA di Nazaret è per noi credenti una bella occasione per rimettere al centro della nostra attenzione la FAMIGLIA.
Oggi si sente più che mai urgente mettere a fuoco quei valori familiari a noi tanto cari. Viviamo in momenti veramente difficili, in cui sembra che tutto si stia volatilizzando, che tutto diventi fluido e bisogna stare attenti anche a come si parla perché è facile essere tacciati come “omofobi”, per retrogradi e, comunque, gente che non è capace di stare al passo coi tempi.
Oggi è il tempo del “pensiero unico” che impone a tutti di pensarla in un certo modo e quindi di vedere e considerare la famiglia in un certo modo: famiglia aperta, famiglia di fatto, famiglia unisex…
Ciò che ci rammarica è vedere come tutto questo è spesso considerato dal punto di vista dell’adulto, non più ancorato ai valori forti e solidi, ma spesso in preda al sentimento, al bisogno immediato e così si dimentica chi è più piccolo, che ha bisogno di stabilità per crescere, di figure veramente capaci di amare…
In questo contesto ci piacerebbe che questa festa della famiglia fosse l’occasione per far risuonare con intensità in tutte le comunità e al cuore delle famiglie, anche di quelle provate da sofferenze e limiti di vario genere, questo messaggio di fiducia, teso a valorizzare e far emergere quel tesoro prezioso nascosto nel “campo del mondo”, che esse rappresentano, nonostante tutto, perché custodi di “semi di vangelo”; capaci di produrre frutti preziosi di vita buona, bella; che hanno in sé la forza di rigenerare la società in tutti i suoi ambiti.
C’è un modo “tipico” con cui la famiglia può essere “soggetto di evangelizzazione”, che è quello di far crescere, educare alla cura di relazioni che mettano al centro le persone, con la loro unicità e originalità, e con esse quelle dinamiche che favoriscono tutto questo, che ci pare utile esplicitare in tre verbi:
SALUTARE con l’attenzione rivolta a colui che sto salutando. Non un gesto meccanico o frettoloso, ma accompagnato da un sorriso, da uno sguardo
ASCOLTARE con il cuore oltre che con le orecchie, con la voglia di fer-marsi e dare tempo a chi sta parlando, così da favorire l’accoglienza
CHIEDERE risulta l’esercizio più difficile, è il gesto che richiama l’umiltà, al riconoscimento del bisogno. Bisogna imparare a chiedere per scoprire quanto l’altro sia pronto a darci un aiuto, un tempo e così sorprenderci.

Ultimo aggiornamento (Domenica 25 Gennaio 2015 13:51)

Eventi / Avvisi
<<  Aprile 2021  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  610
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Ultimi Eventi
Casa Di Betania
MESE DI FEBBRAIO
E' Disponibile on-line l'informatore della Comunità Pastorale Casa Di Betania del mese di FEBBRAIO 2015.
Cerca